Cos’è necessario?
È necessario scrivere una presentazione,
e alla presentazione allegare una foto.

A prescindere da quanto si è vissuto
la presentazione dovrebbe essere breve.

È d’obbligo concisione e selezione dei fatti.
Cambiare paesaggi in indirizzi
e ricordi incerti in date fisse.

Di tutti gli amori basta quello coniugale,
e dei bambini solo quelli nati.

Conta di più chi ti conosce di chi conosci tu.
I viaggi solo se all’estero.
L’appartenenza a un che, ma senza perché.
Onorificenze senza motivazione.

Scrivi come se non parlassi mai con te stesso
e ti evitassi.

Sorvola su cani, gatti e uccelli,
cianfrusaglie del passato, amici e sogni.

Meglio il prezzo che il valore
e il titolo che il contenuto.
Meglio il numero di scarpa, che non dove va
colui per cui ti scambiano.
Aggiungi una foto con l’orecchio scoperto.
È la sua forma che conta, non ciò che sente.
Cosa si sente?
Il picchiettio dei click verso altre pagine.

(Libera rielaborazione di Wislawa Szymborska, “Scrivere un curriculum”)

Giulio Piancastelli

Un pensiero su “Giulio Piancastelli

I commenti sono chiusi.